martedì 15 gennaio 2013

Qualche considerazione sulla politica di inizio 2013



 


Mi scuso col nutrito popolo di lettori del VP per l'assenza, purtroppo è un periodaccio!!

Scrivo un po' di considerazioni sparse su questo periodo elettorale
  • il PdL guidata dal suo inossidabile padrone, il "pifferaio magico", pare stia risalendo la china, a giudicare dai sondaggi. Chi ci avrebbe puntato anche solo un euro? io no...
  • Questa rimonta è dovuta anche alla strapresenza del sopracitato pifferaio in TV, stampa, radio ecc... Persino su una rete che ho sempre considerato un po' l'unica emittente televisiva valida in Italia, cioè la7, sembra non perdano occasione per fargli pubblicità: al di la della puntata di Servizio Pubblico, dove gli hanno fatto tenere banco finchè ha voluto, stamattina ancora un po' di cabaret ad Omnibus per poi mettere su un bel siparietto con Ingrioa, un dietro le quinte subito piazzato in copertina da la7
  • Io comunque non ho ancora capito chi sarà il candidato alla presidenza del consiglio per la coalizione PdL-Lega
  • In Italia abbiamo una strana idea della politica: tra le tante cose, crediamo che quell'ammasso informe che è il PdL sia un partito di centro-destra. Mi sa che per fortuna almeno negli ambienti della destra europea stiano iniziando a collocare il PdL e Berlusconi dov'è giusto che stiano, cioè fuori dai coglioni.. Almeno a giudicare dalle parole del capogruppo del PPE
  • Ieri sera Ignazio La Russa, che si è da poco staccato insieme ad altri (Meloni e Crosetto) dal PdL fondando "Fratelli d'Italia", dichiarava che nelle loro liste non ci saranno pregiudicati e che sei fuori se ti arriva anche solo un avviso di garanzia.. Salvo poi dichiarare che sosterrà il PdL e quindi i vari Dell'Utri, Verdini, Scajola, ecc.. viva la coerenza..
  • Oggi ho visto l'Intervista di Oscar Giannino, che presentava il suo partito. Giannino è un tipo che, per quanto possa lasciare un po di stucco a prima vista (dato il suo look sempre un po' stravagante) devo dire mi sembra una persona in gamba. Sicuramente sono abbastanza distante dalle sue idee politiche, ma certamente le trovo molto piu di "destra liberale" di quelle millantate dal pifferaio
  • IMU si o IMU no? Ecco il circo della politica.. al'inizio il buon vecchio pifferaio sembrava l'unico a millantare la possibilità di eliminarla, risultando la solita sparata da due lire, ma quando anche Monti prima e dopo anche Bersani hanno aperto a questa possibilità, la posizione di Berlusconi ha acquistato credibilità.
  • In questa storia dell'IMU chi ha acquistato credibilità , come dicevo, è Berlusconi, chi l'ha mantenuta è Monti, chi l'ha persa secondo me è Bersani: è evidente che se cambi idea a seconda di cosa dice Monti (perchè è stato Monti il primo a dire che effettivamente si potrebbe cambiare) dai un bel segno di debolezza e subalternanza.
  • Il PD infatti sembra credere più nella rimonta del proprio avversario che nella propria vittoria: lo dimotra a parer mio QUESTA  dichiarazione, in perfetto stile "tutti contro Berlusconi" che ha caratterizzato gli ultimi 15 anni. Forse Bersani non ha capito che per una volta è lui l'uomo da battere, e invece di ipotecare il vantaggio sembra cercare di contenere il proprio avversario. Il risultato appare come un evidente segno di debolezza.
  • E' un peccato che Bersani non si sappia vendere neanche un po'.. Secondo me i numeri ce li ha: primarie e parlamentarie non sono uno scherzo, il rinnovamento l'ha attuato e il PD è a tutt'oggi, anche grazie a lui, il partito piu moderno d'Italia, e sicuramente il piu credibile. E lo dice uno che, chi mi conosce lo sa bene, ha sempre preso le distanze da questa o quella formazione, cercando, per quanto possibile, di rimanere neutro
  • Insomma, dopo tutto quello che è successo in casa PdL, gli scandali, i processi, le scissioni, la compravendita dei parlamentari, gli scandali in Lazio e in Lombardia, le giravolte sulle primarie fantasma, le paraculate nei confronti di Monti, il teatro delle allenaze con la Lega, dopo tutto questo lo scarto tra le due coalizioni dovrebbe essere di 20 o 30 punti.... invece è di 6...
  • Se è vero che la classe dirigente di un paese è lo specchio di quel paese, allora, se berlusconi dovesse farcela ancora una volta (e per farcela intendo non dico la vittoria ma un pareggio), mio malgrado non potrei non essere d'accordo con chi ci definisce un paese ridicolo.

13 commenti:

  1. Beh Berlusconi l'altra sera da Santoro e' veramente risorto.. Ci sarebbe da dedicare un intero post di commento sul come e' stata gestita la trasmissione e sul come si e' comportato B.. Per me B e' stato spettacolare: ha una tale abilita' a vendere tutta la sua serie di balle e a far passare come virtu' tutto il suo malcostume che alla fine mi trovo a stimarlo per questo! Una sorta di genio del male, come e' stato definito in trasmissione!

    L'imu gli altri hanno detto che la vogliono modificare, non togliere, quindi non sono d'accordo quando dici che corrono dietro a B. Certo Monti che dice che vuole ridurre le tasse sa molto di becera trovata da campagna elettorale.. Ma ormai anche lui ai miei occhi sta cadendo davvero in basso: candidare gente come la Vezzali o Annalisa Minetti.. Ma perche'? E' questa l'idea di una politica seria?

    Giannino io mi sa che lo votero' (voto gettato al porco, comunque.. Pigliera' l'uno o il due). L'ho sentito spesso alla radio e l'attenzione che ha verso i temi di taglio di spesa/dipendenti pubblici mi ha sempre molto coinvolto.. Mi piacerebbe votare un bersani per la serieta' che ha dimostrato in questi anni ma Vendola and co non mi hanno mai appassionato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto mi riguarda Monti è la più grande delusione del 2012. E oltre.

      Elimina
    2. D'accordo.. Quando ho tempo scrivo un post in proposito..

      Elimina
  2. Io voterò PD. Sicuro. Me ne frego che non sia il massimo, io sto tornando ad avere paura. Il voto ideologico lo lascio a coloro che vorrò poter additare come coautori di una eventuale vittoria di B. Anche con la D'Amico ci sono stati dei momenti in cui mi sono trovato a pensare: cazzo, certo che ci sa proprio fare... Ma lei mi sembra stata abbastanza brava. Sempre le solite parole, i soliti concetti, le solite cazzate...

    Non abbiamo proprio avuto abbastanza eh? E continuiamo a voler essere una minoranza, tutti contro tutto, anche ora... Quelli responsabili, quelli "impegnati". Quelli che, in modi più o meno definiti, stanno all'opposizione, stanno "contro".

    Io sogno invece un governo votato da me, che potrò criticare PROPRIO perché l'ho votato, non dalla posizione di chi ha avuto insieme ad altri quattro coglioni il 2 o il 3 percento e che non si troverà mai a fronteggiare la vacuità dell'operato di coloro a cui hanno dato fiducia. Mi sembra tutto molto comodo. La sinistra ha e avrà sempre questo problema dell'idealismo. Anche contro sé stessa.

    Chi di voi voterà M5S o Rivoluzione Civile o IDV (o Fermare il declino a quanto leggo) credendo di andare contro il sistema sarà un complice di Berlusconi e del sistema stesso che crede di combattere.

    Una parola contro i primi. Un programmino facile, divulgativo... Non si spiega da nessuna parte COME attuare queste magiche formule dettate dal buonsenso, tipo "Non oltrepassare la linea gialla".

    Una parola contro i secondi. Ingroia è persona stimabile, ma mi sembra un ingenuo politicamente parlando, che dimostra che avrebbe fatto meglio a rimanere nei tribunali. Inoltre qui si rischia di dare ragione a B. e alle sue folli sparate contro i magistrati politicizzati.

    Quanti partiti diranno "Ci abbiamo provato", ben sapendo in partenza che non sarebbero riusciti?

    Non disperdete il voto. Se lo farete dimostrerete con il qualunquismo che vi caratterizza che, in fondo, per voi non cambia chi c'è a Roma. E allora se non vi cambia state a casa. Vi fa più onore.

    Io non stimo il PD. Troppe stronzate. Ma se vince di nuovo B. ci rapirà uno sconforto tanto grande da rischiare di non essere più superato. Quindi non abbiamo scelta.

    E poi ci sono quelli del "Se c'era Renzi sarebbe stato diverso!" Non credo. Votare PD è da sfigati cattolici sottomessi al sistema. Avreste trovato una buona scusa per NON votarlo comunque.

    Almeno al Senato ragazzi. ALMENO al Senato...

    Ma sì. Sono tutte merde! Vaffanculo!

    Tre proposte veramente alternative. A darvi la percezione di ciò che sta accadendo. Qui siamo matti. Non esistono più i fatti, esistono solo le posizioni particolari, rivendicate come opinioni legittime anche se aliene dal reale perché "è una mia opinione!" E il lavoro? E l'estero? E l'economia? Temi per partitocrazie. No. C'è chi propone qualcos'altro, qualcosa di VERAMENTE importante, vicino agli interessi di tutti.

    http://video.ilsole24ore.com/TMNews/2013/20130114_video_11234085/00008703-elezioni-fioccano-liste-insolite-poeti-dazione-e-gay-di-destra.php

    Fondiamone uno anche noi di partito. Lo chiamiamo "Porco Dio". Perché noi siamo contrari all'ora di religione (fin dalle medie cazzo!) Dal momento che invece che fare un comitato della domenica ci piace farlo strano fondiamo un partito, qualche matto chissà perché ci finanzierà. Porteremo la nostra lotta nelle aule del potere e capiranno finalmente che cosa non va nel nostro Paese!

    Fate un pò voi. Il link mostra qualcosa di aberrante. MA CHE SENSO HA?

    Coloro che hanno sognato la democrazia, quella vera, quella responsabile, inorridirebbe a vedere come ci siamo ridotti. Mi danno l'idea di essere morti per niente. Prego per noi che Spengler non avesse ragione.

    Io non mi firmo neanche. Lo sapete dalla terza riga chi sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai un po' esagerato a scrivere:
      "Non disperdete il voto. Se lo farete dimostrerete con il qualunquismo che vi caratterizza che, in fondo, per voi non cambia chi c'è a Roma. E allora se non vi cambia state a casa. Vi fa più onore. "
      No?
      Non è forse più qualunquista chi resta a casa che chi va a votare convintamente per un certo partito, grande o piccolo che sia?

      Dopodiché penso anch'io che si debba allargare la prospettiva, come dice Tommi, per renderci conto che:
      1. il PD rimane l'unico partito che ha saputo rinnovarsi senza affidarsi al solito mito dell'uomo solo al comando. Sicuramente c'è ancora un sacco di strada da fare, soprattutto nelle realtà locali dove i meccanismi poco trasparenti in tema di partecipazione continuano a esserci, però bisogna ammettere che molto è stato fatto.
      2. ad oggi votare PD dà una garanzia in più, quella di vedere persone quasi tutte votate dalla gente alle primarie andare al governo con un chiaro programma di riforme. Gli altri voti (tutti rispettabili... o quasi!) questa garanzia non ce l'hanno.

      Elimina
  3. Pur essendo chiamato in causa in prima persona e criticato apertamente in prima persona, non posso darti torto: votare partitini non ne' una scelta responsabile, sono d'accordo.. Ma la verita' e' che non ho altra scelta: a Vendola io preferisco Berlusconi (inorridirete ma e' cosi'), ma Berlusconi e' invotabile. Mi rimane Monti (anche se forse tu lo annoveri gia' nei partitini o, insomma, non uno dei due poli che poi si giocheranno il governo): potrei in effetti votare monti (diciamo che ancora un minimo di indecisione c'e') ma tutte ste tasse ci stanno ammazzando davvero.. Vorrebbe dire sacrificare all'interesse nazionale una parte davvero troppo grande di interesse privato.. Quindi?

    RispondiElimina
  4. Io non ho capito chi sei, anonimo, ma grazie per il contributo.

    io sono sempre stato un forte sostenitore del fatto che il "voto al meno peggio" sia una boiata controproducente, li per li sembra di indirizzare, votando in questa maniera, verso la strada migliore in quel momento.. ma allargando un attimo il punto di vista sull'intero sistema è chiaro secondo me che il voto al meno peggio contribuisce a far tendere tutto quanto verso il basso. (ma di questo se ne era già parlato in QUESTO lungo e conmbattuto post

    il voto al meno peggio lo danno sia gli elettori di centrosinistra che di centrodestra, ed un meccanismo, questo di spaccare l'elettorato in due, che non ha mai fatto bene al paese.

    io voterò PD, a differenza tua, perchè credo che il PD negli ultimi anni abbia finalmente dato delle risposte, ha fatto dei cambiamenti, ha dimostrato di avere coraggio.. e non per far perdere B (con tutto che se dovesse vincere mi cascherebbero i coglioni, come già scritto)

    La palla ora passa all'elettorato di centro destra.
    Vai tranquillo che B sta sul cazzo a molti che si sentono di centro destra, e lo votano proprio "per non far vincere la sinistra" o, in questo caso, il "centrino".

    e allora si dica chiaro e forte che il PdL non è niente, non è centro destra, è il vuoto.
    Il centro destra conservatore e cattolico in italia è proprio il centro con Monti, ma questo ancora non è percepito nel nostro paese

    mio malgrado, anche bersani l'altra sera a ballarò ha detto "berlusconi è il centrodestra"... cazzata, secondo me, che oltretutto mette il pdl e il suo capo in una posizione di importanza politica superiore a quella che si meriterebbe (e infatti in Europa, come già scritto, nella destra europea hanno le idee ben chiare a riguardo)

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. non ci giurerei affatto

      Elimina
    2. Senza ombra di dubbio. E ora chissà quanto ci ricamerà sopra per vedere cosa ne pensano tutti: è lui? non è lui? Vorrebbe che ne facessimo una fenomenologia: il suo stile di scrittura, le sue idee politiche, corrispondono all'oscuro anonimo? Tutta pubblicità che cerca, esattamente come il suo alter ego S.B.!!!
      Lore

      Elimina
  6. Tommy, il fatto che l'elettorato sia spaccato in due in un certo senso e' una cosa buona, o almeno questo e' cio' che il senso comune suggerisce in questi anni.. Il bipolarismo all'americana e' una cosa a cui il sistema in teoria mira..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero..
      ciò che non sopporto è il come questo avvenga in Italia.. non so bene come spiegarlo in parole semplici, ma l'impressione è quella della divisione tra due "fazioni", due "tifoserie", che , troppo spesso, perdono un po' il punto di vista globale della situazione chiudendosi nel proprio "essere di centro destra" o "essere di centro sinistra" (almeno, questa è un po' l'impressione che ho sempre avuto.. anche se, devo dire, negli ultimi mesi le cose mi appaiono un po diverse)

      Elimina